La Befana vien di notte …

 

befana-2

 

Conoscete questa famosissima filastrocca 🙂 ?

Io l’ho sempre adorata, fin dai tempi in cui i miei nonni e la mia tata la recitavano tenendomi a cavalcioni sulle loro ginocchia e facendomi battere le mani seguendo il ritmo delle sillabe.. Naturalmente negli anni l’ho sfruttata tantissimo nel mio lavoro!!

Imparando i Segni dei Piccoli li ho aggiunti alla versione tradizionale e la mia soddisfazione più grande è stata quella di  vedere come i bimbi non solo si divertano un mondo e ridano a crepapelle, ma interagiscano con entusiasmo imparando velocemente segni – e parole! – nuovi che poi riutilizzano in contesti completamente diversi per poter esprimere ciò che hanno in mente!

Ecco il testo, così come lo conosco io (..credo ne esistano diverse versioni 😀 !); in maiuscolo ho sottolineato le parole che dovranno essere accompagnate dal gesto corrispondente.

Vi giro anche qualche indicazione relativa ai segni da utilizzare, dedicata chi si sta avvicinando ora a questo strumento di comunicazione 😉 :

  • Sulla parola BEFANA ho usato il segno tedesco STREGA (l’ho preferito perché è più semplice: appoggiate la falange del dito indice piegato a C sulla punta del vostro naso e, muovendo il dito in avanti, disegnate un mezzo cerchio, per rappresentare il naso curvo di una strega)  e sulla parola GERLA il segno americano semplificato CESTO
  • Alla parola SPALLE corrisponde il gesto di toccare le spalle, indicandole
  • Alla parola TOPPE si associa una piccola “manata” sul vestito – se lo fate sul vestito del bimbo lo divertirà molto! – come se volessimo, appunto, chiudere un buco
  • La parola SOTTANA si segna semplicemente passando una mano sulla gonna
  • All’espressione VIVA VIVA portate verso l’alto entrambe le braccia, ruotando ripetutamente i polsi e le mani verso l’interno e verso l’esterno
  • Per tutti gli altri segni mi rifaccio al video vocabolario del sito www.babysignlanguage.com, molto chiaro anche per chi conosce l’inglese solo a livello scolastico; vi basta cliccare sulle singole parole per accedere al tutorial!

Vi suggerisco di recitare il testo facendo delle “pause” ad hoc prima delle parole segnate, in modo da aiutare il vostro bimbo a concentrarsi sul loro ascolto, sulla loro comprensione e sull’osservazione dei gesti; a partire dai 7-9 mesi è probabile che i piccoli cerchino di imitarvi, mentre i bambini più grandi, approfittando della “pausa”, potranno anticipare con il segno la parola successiva, dimostrandovi di conoscerla e ricordarla!

La Befana vien di notte…

La BEFANA vien di NOTTE,

con le SCARPE tutte ROTTE,

con la GERLA sulle SPALLE,

con le CALZE ROSSE e GIALLE.

La BEFANA vien di NOTTE,

con le SCARPE tutte ROTTE,

con le TOPPE alla SOTTANA..

VIVA, VIVA la BEFANA!

Non dimenticate di chiedere al piccolo se la vuole ascoltare ANCORA e, in caso affermativo, armatevi di pazienza e… procedete pure all’infinito!!

Buon divertimento e buona Epifania a tutti 😀 !

Lascia un commento